EMCC Italia

Gestione reclami e provvedimenti disciplinari

Introduzione

Ogni associato EMCC, all’atto dell’iscrizione all’Associazione, prende visione del “The Global Code of Ethics” e ne sottoscrive l’intero contenuto senza riserve. Il testo integrale è scaricabile cliccando sul seguente banner:

 

 

Qualora il cliente di un associato ritenga che lo stesso non abbia agito in modo consono ai dettami del nostro Codice Etico, potrà attivare la procedura di reclamo, scrivendo al seguente indirizzo: sportello.consumatore@emccitalia.it

Il Comitato Direttivo è l’organo preposto al controllo della corretta applicazione del Codice Etico da parte degli associati, pertanto sarà l’organo preposto alla valutazione dei reclami e delle eventuali susseguenti sanzioni.

Risoluzione conciliativa

In presenza di un reclamo, il Consiglio Direttivo, accertata la fondatezza dello stesso, esperisce in via preliminare un percorso conciliativo. Tale percorso incoraggia la risoluzione del reclamo attraverso un confronto aperto e sereno tra le parti (cliente e associato). Qualora il cliente non si ritenga soddisfatto, per dare seguito alle fasi successive della procedura, dovrà presentare un reclamo formale, ossia stenderà una relazione il più possibile dettagliata sui fatti oggetto del suo reclamo.

Reclamo formale

Un reclamo formale è accettato se:

  • L’autore del reclamo ha accettato, come prima soluzione, la proposta di risoluzione conciliativa (vedi sopra).
  • Si tratta di una questione di condotta professionale.
  • La denuncia non è presentata in forma anonima.
  • La questione non è già oggetto di un procedimento giudiziario.
  • La presunta violazione del Codice sia avvenuta negli ultimi 12 mesi e, comunque, non oltre 6 mesi dopo la fine del rapporto di coaching/mentoring/supervision.

Modalità di presentazione di un reclamo formale

  • Tutti i reclami devono essere inviati via e-mail all’indirizzo sportello.consumatore@emccitalia.it
  • Il reclamo deve specificare l’oggetto dell’accusa di mancata professionalità con specificati i riferimenti del Codice Etico che il denunciante ritiene siano stati violati.
  • Devono essere prodotti tutti i documenti a sostegno del reclamo, che saranno restituiti su richiesta.
  • Il denunciante riceverà un’email di riscontro per ricevuta entro 72 ore.
  • Copia della denuncia sarà inviata all’associato interessato, a meno che il Consiglio direttivo non decida altrimenti.

Valutazione dell’accusa e procedimenti disciplinari

  • La valutazione dell’accusa spetta al Consiglio Direttivo.
  • Il Consiglio Direttivo, se ritiene che il reclamo presenti gli estremi per una possibile violazione del Codice Etico, informa l’associato, il quale ha 15 giorni di tempo per presentare una propria memoria difensiva.
  • Qualora il Consiglio Direttivo, sulla base dei contenuti del reclamo e degli argomenti della difesa, non ritenesse di trovarsi alla presenza di un autentica violazione del Codice Etico, può decidere di non dare seguito al reclamo o, in alternativa, di raccogliere ulteriori informazioni da parte del denunciante. In ogni caso, non appena ricevuto il reclamo, provvede ad informare l’associato interessato.
  • Sia il denunciante, sia l’associato possono chiedere di essere sentiti di persona.
  • Dall’analisi della documentazione il Consiglio Direttivo trarrà le conclusioni per:
    • decidere che non vi sia stata violazione sostanziale al Codice etico e, pertanto, non dare seguito al reclamo. In questo caso, il Presidente del Consiglio Direttivo comunicherà per iscritto al denunciante e all’associato le ragioni di tale decisione.
    • Decidere che ci sia stata una violazione del Codice etico, ma di portata non grave o, comunque, non tale da richiedere un procedimento disciplinare. In tal caso, il Consiglio Direttivo comunica all’associato quali azioni correttive intraprendere per allinearsi al Codice Etico. Tale comunicazione viene inviata per conoscenza anche al cliente autore del reclamo.
    • Decidere che ci sia stata un grave violazione del codice etico. In tal caso, sulla base della gravità della violazione, verrà intrapresa una delle seguenti azioni disciplinari, ordinate per gravità della violazione:
      • obbligare l’associato ad intraprendere un percorso di supervisione suppletivo, focalizzato sui temi deontologici della professione, senza procedere ad una sospensione dall’associazione;
      • obbligare l’associato ad intraprendere un percorso di formazione sui contenuti del Codice Etico, senza procedere ad una sospensione dall’associazione;
      • sospendere l’associato dallo status di appartenente a EMCC Italia, per un periodo non superiore ai 12 mesi dalla data della notifica della contestazione ufficiale della violazione, riammettendolo solo dopo che lo stesso abbia dimostrato di aver completato un percorso di formazione sui contenuti del Codice Etico;
      • radiare in via definitiva l’associato da EMCC Italia.

Find an EMCC Mentor/Coach, Supervisor, or Global Volunteer

Search through our database to find an EMCC Mentor/Coach or EMCC Accredited Supervisor near you who matches your requirements. If you are an EMCC mentor/coach or EMCC Accredited Supervisor and wish to edit the basic profile already in place then please log in, go to membership, then choose the option for 'My Account'.

You can also use this search facility to find all our EMCC Global Volunteers, see who volunteers for what, and contact them via their EMCC email addresses. If you are an EMCC Global Volunteer and wish to amend your volunteer profile please contact EMCC.Administrator@emccouncil.org